DIVISIONE EREDITARIA

La divisione ereditaria è il contratto mediante il quale i coeredi addivengono allo scioglimento della comunione ereditaria tra loro esistente, e derivante dalla successione al comune de cuius, mediante assegnazioni di beni o crediti facenti parte dell’asse ereditario.
Ove la divisione abbia ad oggetto beni immobili, sarà necessario l’atto notarile ai fini della pubblicità nei Registri immobiliari della stessa, con funzione di continuità delle trascrizioni.
I condividenti potranno liberamente regolare l’apporzionamento della quota astratta da ciascuno vantata sul patrimonio ereditario, prevedendo a tal fine anche conguagli in denaro per compensare l’ineguaglianza in natura di dette quote.
Sarà altresì possibile procedere ad una divisione parziale dal punto di vista oggettivo e soggettivo, allorché si intenda, rispettivamente, sciogliere la comunione ereditaria con riferimento soltanto ad alcuni dei beni ereditari, o quando si voglia procedere all’apporzionamento definitivo di uno soltanto degli eredi.
Ove i coeredi, che siano figli o loro discendenti nonché coniuge del de cuius, abbiano ricevuto da quest’ultimo in vita donazioni, in sede di divisione, una volta accettata l’eredità, saranno tenuti ad effettuare la collazione delle stesse, conferendole ai coeredi (o imputandone alla propria quota il valore all’apertura della successione); ciò al fine di garantire la parità di trattamento tra i coeredi in sede di scioglimento della comunione ereditaria.

Contattaci per un preventivo personalizzato per la tua pratica a al numero 011 4546593

RICHIEDI PREVENTIVO